Crea sito
You are here
Home > Magistero > (AL) c. V L’AMORE CHE DIVENTA FECONDO Accogliere una nuova vita 165-167

(AL) c. V L’AMORE CHE DIVENTA FECONDO Accogliere una nuova vita 165-167

16 aprile 2016
16 aprile 2016

CAPITOLO QUINTO

L’AMORE CHE DIVENTA FECONDO

165. L’amore dà sempre vita. Per questo, l’amore coniugale «non si esaurisce all’interno della coppia […]. I coniugi, mentre si donano tra loro, donano al di là di se stessi la realtà del figlio, riflesso vivente del loro amore, segno permanente della unità coniugale e sintesi viva ed indissociabile del loro essere padre e madre».[176]

Accogliere una nuova vita

23/10/2015 Dheepan - Una nuova vita, la Palma d'Oro è al cinema
23/10/2015 DheepanUna nuova vita, la Palma d’Oro è al cinema

166. La famiglia è l’ambito non solo della generazione, ma anche dell’accoglienza della vita che arriva come dono di Dio. Ogni nuova vita «ci permette di scoprire la dimensione più gratuita dell’amore, che non finisce mai di stupirci. E’ la bellezza di essere amati prima: i figli sono amati prima che arrivino».[177] Questo riflette il primato dell’amore di Dio che prende sempre l’iniziativa, perché i figli «sono amati prima di aver fatto qualsiasi cosa per meritarlo».[178] Tuttavia, «tanti bambini fin dall’inizio sono rifiutati, abbandonati, derubati della loro infanzia e del loro futuro. Qualcuno osa dire, quasi per giustificarsi, che è stato un errore farli venire al mondo. Questo è vergognoso! […] Che ne facciamo delle solenni dichiarazioni dei diritti dell’uomo e dei diritti del bambino, se poi puniamo i bambini per gli errori degli adulti?».[179] Se un bambino viene al mondo in circostanze non desiderate, i genitori o gli altri membri della famiglia, devono fare tutto il possibile per accettarlo come dono di Dio e per assumere la responsabilità di accoglierlo con apertura e affetto. Perché «quando si tratta dei bambini che vengono al mondo, nessun sacrificio degli adulti sarà giudicato troppo costoso o troppo grande, pur di evitare che un bambino pensi di essere uno sbaglio, di non valere niente e di essere abbandonato alle ferite della vita e alla prepotenza degli uomini».[180] Il dono di un nuovo figlio che il Signore affida a papà e mamma ha inizio con l’accoglienza, prosegue con la custodia lungo la vita terrena e ha come destino finale la gioia della vita eterna. Uno sguardo sereno verso il compimento ultimo della persona umana renderà i genitori ancora più consapevoli del prezioso dono loro affidato: ad essi infatti Dio concede di scegliere il nome col quale Egli chiamerà ogni suo figlio per l’eternità.[181]

28 dicembre 2014 Incontro con l'Associazione Nazionale delle Famiglie Numerose Aula Paolo VI ore 11.30
28 dicembre 2014 Aula Paolo VI ore 11,30 Incontro con l’Associazione Nazionale delle Famiglie Numerose

167. Le famiglie numerose sono una gioia per la Chiesa. In esse l’amore esprime la sua fecondità generosa. Questo non implica dimenticare una sana avvertenza di san Giovanni Paolo II, quando spiegava che la paternità responsabile non è «procreazione illimitata o mancanza di consapevolezza circa il significato di allevare figli, ma piuttosto la possibilità data alle coppie di utilizzare la loro inviolabile libertà saggiamente e responsabilmente, tenendo presente le realtà sociali e demografiche così come la propria situazione e i legittimi desideri».[182]

28 dicembre 2014
28 dicembre 2014 Aula Paolo VI ore 11,30 Incontro con l’Associazione Nazionale delle Famiglie Numerose

Count per Day

  • 52Questo articolo:
  • 58176Totale letture:
  • 34Letture odierne:
  • 54Letture di ieri:
  • 516Letture scorsa settimana:
  • 34Letture scorso mese:
  • 38859Totale visitatori:
  • 28Oggi:
  • 40Ieri:
  • 389La scorsa settimana:
  • 28Visitatori per mese:
  • 52Visitatori per giorno:
  • 1Utenti attualmente in linea:
  • 7 novembre 2016Il contatore parte dal 07/11/2016:

No Instagram Id(s) or Hashtag(s) found!

Top