Crea sito
You are here
Home > Magistero > (AL) Il valore della sanzione come stimolo 268-270

(AL) Il valore della sanzione come stimolo 268-270

13/06/2015 Citta' del Vaticano. Piazza San Pietro. Udienza del Santo Padre agli Scout dell'Agesci. Nella foto papa Francesco con una mamma scout ed il suo bambino
13/06/2015 Citta’ del Vaticano. Piazza San Pietro. Udienza del Santo Padre agli Scout dell’Agesci. Nella foto papa Francesco con una mamma scout ed il suo bambino

Il valore della sanzione come stimolo

smartapapa_150414_06

268. Ugualmente, è indispensabile sensibilizzare il bambino e l’adolescente affinché si renda conto che le cattive azioni hanno delle conseguenze. Occorre risvegliare la capacità di porsi nei panni dell’altro e di pentirsi per la sua sofferenza quando gli si è fatto del male. Alcune sanzioni – ai comportamenti antisociali aggressivi – possono conseguire in parte questa finalità. È importante orientare il bambino con fermezza a chiedere perdono e a riparare il danno causato agli altri. Quando il percorso educativo mostra i suoi frutti in una maturazione della libertà personale, il figlio stesso a un certo punto inizierà a riconoscere con gratitudine che è stato un bene per lui crescere in una famiglia e anche sopportare le esigenze imposte da tutto il processo formativo.

smartapapa_150414_01

269. La correzione è uno stimolo quando al tempo stesso si apprezzano e si riconoscono gli sforzi e quando il figlio scopre che i suoi genitori mantengono viva una paziente fiducia. Un bambino corretto con amore si sente considerato, percepisce che è qualcuno, avverte che i suoi genitori riconoscono le sue potenzialità. Questo non richiede che i genitori siano immacolati, ma che sappiano riconoscere con umiltà i propri limiti e mostrino il loro personale sforzo di essere migliori. Ma una testimonianza di cui i figli hanno bisogno da parte dei genitori è che non si lascino trasportare dall’ira. Il figlio che commette una cattiva azione, deve essere corretto, ma mai come un nemico o come uno su cui si scarica la propria aggressività. Inoltre un adulto deve riconoscere che alcune azioni cattive sono legate alle fragilità e ai limiti propri dell’età. Per questo sarebbe nocivo un atteggiamento costantemente sanzionatorio, che non aiuterebbe a percepire la differente gravità delle azioni e provocherebbe scoraggiamento e irritazione: «Padri, non esasperate i vostri figli» (Ef 6,4; cfr Col 3,21).

13/06/2015 Citta' del Vaticano. Piazza San Pietro. Udienza del Santo Padre agli Scout dell'Agesci. Nella foto i ragazzi
13/06/2015 Citta’ del Vaticano. Piazza San Pietro. Udienza del Santo Padre agli Scout dell’Agesci. Nella foto i ragazzi

270. La cosa fondamentale è che la disciplina non si tramuti in una mutilazione del desiderio, ma in uno stimolo per andare sempre oltre. Come integrare disciplina e dinamismo interiore? Come far sì che la disciplina sia un limite costruttivo del cammino che deve intraprendere un bambino e non un muro che lo annulli o una dimensione dell’educazione che lo inibisca? Bisogna saper trovare un equilibrio tra due estremi ugualmente nocivi: uno sarebbe pretendere di costruire un mondo a misura dei desideri del figlio, che cresce sentendosi soggetto di diritti ma non di responsabilità. L’altro estremo sarebbe portarlo a vivere senza consapevolezza della sua dignità, della sua identità singolare e dei suoi diritti, torturato dai doveri e sottomesso a realizzare i desideri altrui.

Count per Day

  • 56Questo articolo:
  • 46212Totale letture:
  • 11Letture odierne:
  • 19Letture di ieri:
  • 193Letture scorsa settimana:
  • 510Letture scorso mese:
  • 29836Totale visitatori:
  • 11Oggi:
  • 15Ieri:
  • 163La scorsa settimana:
  • 424Visitatori per mese:
  • 22Visitatori per giorno:
  • 0Utenti attualmente in linea:
  • 7 novembre 2016Il contatore parte dal 07/11/2016:

Top