Crea sito
You are here
Home > Magistero > (AL) Vecchie ferite 239-240

(AL) Vecchie ferite 239-240

7-2015-famille-obama-participe-salma-alabama-commemoration-50e-anniversaire-bloody-sunday-marcheles-droits-civiques-avait-brutalement-reprimee_3_1400_933
a

 

 

 

Vecchie ferite

Obama insegna a camminare a Lincoln Rose Smith, la figlia di un anno dell'ex vice addetta stampa Jamie Smith il 4 aprile 2014 nel suo ufficio Ovale.

Obama insegna a camminare a Lincoln Rose Smith, la figlia di un anno dell’ex vice addetta stampa Jamie Smith il 4 aprile 2014 nel suo ufficio Ovale.

239. È comprensibile che nelle famiglie ci siano molte difficoltà quando qualcuno dei suoi membri non ha maturato il suo modo di relazionarsi, perché non ha guarito ferite di qualche fase della sua vita. La propria infanzia e la propria adolescenza vissute male sono terreno fertile per crisi personali che finiscono per danneggiare il matrimonio. Se tutti fossero persone maturate normalmente, le crisi sarebbero meno frequenti e meno dolorose. Ma il fatto è che a volte le persone hanno bisogno di realizzare a quarant’anni una maturazione arretrata che avrebbero dovuto raggiungere alla fine dell’adolescenza. A volte si ama con un amore egocentrico proprio del bambino, fissato in una fase in cui la realtà si distorce e si vive il capriccio che tutto debba girare intorno al proprio io. È un amore insaziabile, che grida e piange quando non ottiene quello che desidera. Altre volte si ama con un amore fissato ad una fase adolescenziale, segnato dal contrasto, dalla critica acida, dall’abitudine di incolpare gli altri, dalla logica del sentimento e della fantasia, dove gli altri devono riempire i nostri vuoti o sostenere i nostri capricci.

rogerviollet44015-61_5_1400_932-1

b

240. Molti terminano la propria infanzia senza aver mai sperimentato di essere amati incondizionatamente, e questo ferisce la loro capacità di aver fiducia e di donarsi. Una relazione mal vissuta con i propri genitori e fratelli, che non è mai stata sanata, riappare, e danneggia la vita coniugale. Dunque bisogna fare un percorso di liberazione che non si è mai affrontato. Quando la relazione tra i coniugi non funziona bene, prima di prendere decisioni importanti, conviene assicurarsi che ognuno abbia fatto questo cammino di cura della propria storia. Ciò esige di riconoscere la necessità di guarire, di chiedere con insistenza la grazia di perdonare e di perdonarsi, di accettare aiuto, di cercare motivazioni positive e di ritornare a provare sempre di nuovo. Ciascuno dev’essere molto sincero con sé stesso per riconoscere che il suo modo di vivere l’amore ha queste immaturità. Per quanto possa sembrare evidente che tutta la colpa sia dell’altro, non è mai possibile superare una crisi aspettando che solo l’altro cambi. Occorre anche interrogarsi sulle cose che uno potrebbe personalmente maturare o sanare per favorire il superamento del conflitto.

4455951403-92bd68a741_2_1400_933
c

 

Count per Day

  • 23Questo articolo:
  • 58176Totale letture:
  • 34Letture odierne:
  • 54Letture di ieri:
  • 516Letture scorsa settimana:
  • 34Letture scorso mese:
  • 38859Totale visitatori:
  • 28Oggi:
  • 40Ieri:
  • 389La scorsa settimana:
  • 28Visitatori per mese:
  • 52Visitatori per giorno:
  • 0Utenti attualmente in linea:
  • 7 novembre 2016Il contatore parte dal 07/11/2016:

Top