Crea sito
You are here
Home > Scritti spirituali > IMITAZIONE DI CRISTO. Libro I. C. IV. LA PONDERATEZZA NELL’AGIRE

IMITAZIONE DI CRISTO. Libro I. C. IV. LA PONDERATEZZA NELL’AGIRE

37frag2

MEMLING, Hans (b. ca. 1440, Seligenstadt, d. 1494, Bruges) Standing Virgin and Child
c. 1490 Oil on oak panel, 43 x 36 cm Aurora Art Fund, Bucharest

Capitolo IV

LA PONDERATEZZA NELL’AGIRE

Non dobbiamo credere a tutto ciò che sentiamo dire; non dobbiamo affidarci a ogni nostro impulso. Al contrario, ogni cosa deve essere valutata alla stregua del volere di Dio, con attenzione e con grandezza d’animo. Purtroppo, degli altri spesso pensiamo e parliamo più facilmente male che bene: tale è la nostra miseria. Quelli che vogliono essere perfetti non credono scioccamente all’ultimo che parla, giacché conoscono la debolezza umana, portata alla malevolenza e troppo facile a blaterare. Grande saggezza, non essere precipitosi nell’agire e, d’altra parte, non restare ostinatamente alle nostre prime impressioni. Grande saggezza, perciò, non andare dietro a ogni discorso della gente e non spargere subito all’orecchio di altri quanto abbiamo udito e creduto. Devi preferire di farti guidare da uno migliore di te, piuttosto che andare dietro alle tue fantasticherie; prima di agire, devi consigliarti con persona saggia e di retta coscienza. Giacché è la vita virtuosa che rende l’uomo l’uomo saggio della saggezza di Dio, e buon giudice in molti problemi. Quanto più uno sarà inutilmente umile e soggetto a Dio, tanto più sarà saggio, e pacato in ogni cosa.

Top